All’improvviso Cosentino e la Bingo Family Amatori Catania fa sua la battaglia nel pantano della Cittadella. Adesso ultimo sforzo

/, Ultim'ora/All’improvviso Cosentino e la Bingo Family Amatori Catania fa sua la battaglia nel pantano della Cittadella. Adesso ultimo sforzo

Gara da tregenda, sotto un autentico nubifragio i ragazzi di Vittorio e Costantino si impongono nel finale con la meta di Cosentino. Madero sempre perfetto in trasformazione.

Reagire e ripartire per non mollare quel secondo posto conquistato con fatica, sacrificio e qualità. Perugia l’avversario di turno, in grande salute, con tre vittorie consecutive e la capolista Capitolina battuta nello scorso turno.

Una vera e propria battaglia fin dal primo minuto, con la pioggia battente a rendere tutto tremendamente complicato. Perugia sfonda a ed andava in meta con Carboni Manon trasformava. Toni accesi sul comportamento anti sportivo di Marco Bellezza. Saltavano i nervi sulla provocazione a coach Vittorio che veniva allontanato dall’arbitro. Al minuto ventitré la reazione con la grande meta di Florio e Madero perfetto nel centrare i pali, 7-5. Perugia attaccava e pressava la linea di meta etnea, ma la difesa teneva. A uno dalla fine la dubbiosa meta di Bellezza che non trovava però trasformazione, 7-10.

Ad inizio ripresa, bisognava invertire il trand, ecco allora cambi mirati, miglioramento sui punti d’incontro e volontà nel cercare di battere l’avversario mai domo. Veemente l’azione dell’Amatori con Giammario che trascinava e Achraf in meta. Madero ancora perfetto per il 14-10. Battaglia sul campo, mischie dure dove anche il centimetro diventava decisivo. Cambi a dare linfa alla squadra con Guglielmino, Bognanni, Palmieri, D’Aleo e Calamaro. Perugia non mollava e sotto il diluvio trovava la meta del sorpasso trasformata, 14-17. Finita? No se in campo c’è l’Amatori Catania: soffrivano gli etnei, non riuscivano a sfondare il muro perugino, ma a cinque dalla fine Madero trovava il calcio in prondità per la touche perfetta. Occasione propizia, con Achraf che pescava le mani di D’Aleo che si infilava, spingevano con forza gli etnei fino allo scatto di Cosentino che usciva fuori schiacciando l’ovale del sorpasso per la terza meta biancorossa. Madero chiudeva i giochi beccando i pali del 21-17. A nulla serviva la reazione di una mai doma Perugia e il fischio finale dell’arbitro liberava le porte alla vittoria e al consolidamento ancora del secondo posto valido per i playoff. Finiva cosi con una vittoria sofferta ma voluto, no giocata sicuramente bene su un campo infame e reso al limite dalla pioggia copiosa. Adesso ultimo sforzo per materializzare un sogno pazzesco ad inizio stagione: fare cinque punti contro Benevento la combinazione per volare e giocarsi un posto per l’elitè del rugby.

2019-04-13T19:14:30+00:00Aprile 13th, 2019|Senior, Ultim'ora|0 Comments

Leave A Comment